galleriafoto

Ti trovi qui:

Home > COMUNICAZIONE > Area Stampa > Comunicati stampa > ODCEC DI ROMA: APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2016

ODCEC DI ROMA: APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2016

Versione in pdfStampaE-mail


 

ODCEC DI ROMA: APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2016
INIZIATIVE, SERVIZI, FORMAZIONE E DIGITALIZZAZIONE PER ESSERE SEMPRE ALL’AVANGUARDIA E  FARE FRONTE ALLE NUOVE ESIGENZE DELLA PROFESSIONE


Roma, 30 novembre 2015 -  L’Assemblea dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha approvato all’unanimità il Bilancio di previsione 2016. I contenuti del documento programmatico sintetizzano gli obiettivi generali e le modalità operative relative allo svolgimento dell’attività istituzionale previste per il 2016, ultimo anno di mandato dell’attuale Consiglio in carica. Un Consiglio che pur in continuità con il precedente, si è contraddistinto per aver - gradualmente e senza sosta - promosso nuove iniziative che in quattro anni hanno portato l’Odcec di Roma ad essere all’avanguardia sia tra le pubbliche amministrazioni sia tra le realtà associative.
Il Consiglio dell’Ordine, primo in Italia, ha costituito, nel corso del 2015, un proprio Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento(OCC), che sarà pienamente operativo nel corso del 2016 con un proprio budget assegnato. Altra novità, che impatta significativamente sull’operatività dell’Ordine, c’è il servizio fornito agli Iscritti delegati alle vendite dei compendi pignorati nelle procedure di esecuzione immobiliare. Su richiesta del Tribunale di Roma, dallo scorso mese di settembre, le operazioni di vendita sono svolte presso la sede dell’Ordine, con attivazione di un apposito servizio di segreteria organizzativa.
Per il 2016, inoltre, è confermata l’apertura degli sportelli presso il palazzo del Comune di Marino e presso il tribunale di Velletri a disposizione di Iscritti e Tirocinanti che operano nelle zone più distanti dalla sede principale. Ma la sfida più importante del 2016 riguarderà la digitalizzazione dell’Ordine, che e comporterà anche una riorganizzazione di procedure e impiego delle risorse umane.
All’introduzione già avvenuta della fatturazione elettronica, del sistema di protocollo elettronico, farà seguito la conservazione digitale dei documenti dell’Ordine che riguarderà anche qualsiasi istanza proveniente dall’esterno. Inoltre, a partire dal prossimo gennaio, sarà possibile per gli Iscritti presentare le autocertificazioni relative ai crediti formativi e le richieste di aggiornamento dati direttamente dal sito web dell’Ordine con rilascio automatico di protocollo e ricevuta.
Sempre sul fronte dei servizi digitali, nel corso del 2016 sarà completata l’attribuzione di una casella di posta elettronica certificata per ogni tirocinante e dai primi giorni del nuovo anno verrà testato un prototipo di libretto elettronico del tirocinio. Inoltre, grazie alla collaborazione con Il Sole 24 Ore, Giuffrè e Wolters Kluwer, è attiva presso la Sede dell’Ordine una vera e propria biblioteca digitale che tirocinanti e colleghi più giovani possono consultare gratuitamente.
Grande rilievo avrà anche nel 2016 l’attività formativa. Conclusa con successo la fase sperimentale di integrazione dell’offerta formativa dell’Ordine con prodotti e-learning (circa 100 i corsi disponibili on-line), per la prima volta è previsto un impegno di pari dignità tra formazione in aula e formazione a distanza. L’offerta formativa consentirà agli Iscritti di assolvere con più facilità agli adempimenti FPC di fine triennio. In merito è opportuno evidenziare anche quanto impegno ha profuso la struttura e il Consiglio di Disciplina Territoriale per effettuare i controlli relativi al triennio precedente. Nel mese di settembre 2014 sono stati aperti 1.950 fascicoli disciplinari dovuti a irregolarità nell’assolvimento degli obblighi FPC, di questi, circa 350 sono stati archiviati. I rimanenti 1600 fascicoli hanno dato luogo a procedimenti disciplinari all’esito dei quali oltre il 90% degli iscritti è risultato pienamente in regola.
Nell’ambito della formazione di grande rilievo anche l’impegno dei due enti “partecipati”, la Fondazione Centro Studi Telose ilConsorzio Uniprof. La prima ha tra l’altro costituito ed organizzato nel 2015 ed attiverà dal 2016 la Scuola di Alta Formazione (SAF), diventata modello di riferimento a livello nazionale; il secondo ha realizzato una serie di iniziative accademiche a favore della categoria, prima fra tutte il Master per le professioni economico contabili.
L’impegno profuso in questi anni», ha concluso il Presidente dell’Odcec di Roma, Mario Civetta, «deve costituire un momento di orgoglio per tutti i Professionisti iscritti all’Odcec di Roma, consapevoli di aver ampliato la qualità e la capacità di essere protagonisti del sistema Italia».