Photo gallery
Photo gallery

Ti trovi qui:

Home > COMUNICAZIONE > Informative > Comunicazioni dall'Ordine > Costituzione dell’Ordine di Velletri

Costituzione dell’Ordine di Velletri

Versione in pdfStampaE-mail


Il Ministro della giustizia, su richiesta di 91 Iscritti all’Ordine di Roma, ai sensi dell’articolo 7 del Dlgs n. 139/2005, con decreto del 20 ottobre 2022 ha istituito l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del circondario del Tribunale di Velletri e nominato un commissario straordinario, con l’incarico di provvedere alla prima formazione dell’Albo e alla convocazione dell’assemblea per l’elezione del Consiglio del nuovo Ordine entro centottanta giorni dalla notifica del decreto.

Gli Iscritti che, dalle notizie nella disponibilità dell’Ordine di Roma, risultano avere la residenza E il domicilio professionale nel circondario del Tribunale di Velletri saranno trasferiti d’ufficio dal Consiglio dell’Ordine presso il neocostituito Ordine di Velletri e formeranno il nuovo Albo. Costoro, qualora intendano rimanere iscritti nell’Albo tenuto dall’Ordine di Roma, dovranno necessariamente comunicare all’Ordine, entro il 15 dicembre 2022, con le modalità ordinarie, l’avvenuto spostamento della residenza o del domicilio professionale all’interno del circondario del tribunale di Roma e confermare la volontà di non essere trasferiti inviando un’apposita comunicazione a mezzo posta elettronica certificata alla mailbox presidenza@pecodcec.roma.it.

Gli Iscritti che risultano avere la sola residenza O il solo domicilio professionale nel circondario del Tribunale di Velletri, saranno trasferiti su richiesta a seguito di apposita istanza inviata a mezzo posta elettronica certificata alla mailbox presidenza@pecodcec.roma.it entro il 15 dicembre 2022.

Alla mailbox presidenza@pecodcec.roma.it è possibile chiedere eventuali chiarimenti.

Al trasferimento in oggetto si applica quanto previsto dal comma 3 dell’articolo 38 del decreto legislativo n.139 del 2005: “Non è ammesso il trasferimento quando il richiedente si trovi sottoposto  a procedimento  penale  o  disciplinare  o  sia comunque sospeso dall'esercizio della professione”.